25-08-2017

Cometa Architects: Rocksplit, casa sull’isola di Ceo, Cicladi

Progetti

Lo studio Cometa Architects attualizza le tecniche di costruzione e rivestimento tradizionali greche in pietra nella casa Rocksplit. L’abitazione sull’isola di Ceo, progettata da Cometa Architects nell’arcipelago delle Cicladi, sembra nascere dal terreno stesso che la ospita.



Cometa Architects: Rocksplit, casa sull’isola di Ceo, Cicladi Sull’Isola di Ceo, nelle Cicladi, dove il mare si ritira e il terreno da pianeggiante diventa scosceso, sorge la casa Rocksplit, di Cometa Architects, quale raffinato omaggio alla tradizione edilizia greca. Il progetto Rocksplit dello studio Cometa Architects, casa per le vacanze di una famiglia, ricerca negli aspetti formali e materici la mimesi della natura e del territorio. La scarsissima vegetazione di quest’isola fa emergere infatti le sue colline rocciose come terrazze che scendono verso il mare. A queste terrazze naturali si rifanno quelle disegnate dai progettisti nella casa Rocksplit, dislocate su più livelli e orientate in ogni direzione.
Il desiderio di restare ancorati alla storia e alla preesistenza fino in fondo (probabilmente per una sensibilità che spinge a contaminare il meno possibile ciò che si è naturalmente conservato), porta gli architetti di Cometa a recuperare una tecnica tradizionale di edificazione come quella della pietra locale scolpita a mano e posata a secco. Anche dal punto di vista tipologico ci si rifà al modello storico dell’edificio residenziale basso ed orizzontale, con i tetti piani su diversi livelli che diventano collettori d’acqua piovana.
Ecco allora la struttura dell’edificio realizzata in cemento armato e finita con microcemento nelle superfici orizzontali più estese, vale a dire le terrazze, e invece rivestita con estrema cura nel dettaglio nelle superfici verticali, pietra su pietra, a chiara mimesi della naturale conformazione del terreno roccioso dell’isola.
L’alternanza di pieni e vuoti che caratterizza il volume architettonico e lo sviluppo delle sue parti funzionali è evidenziato dalla dialettica tra rocce scure e rocce più chiare, grigie, quasi bianche. Il fronte principale e di ingresso a sud presenta la zona soggiorno e cucina, a seguire la torre di circolazione, entrambe in roccia scura. In secondo piano e più protetta verso il declivio, la zona notte e il magazzino rivestiti in pietra bianca.
Dal blocco geometrico monolitico, ma scomponibile nei frammenti sottolineati dalla sfumature delle rocce, emergono tanti dettagli progettati, come le finestre, numerose su ogni fronte e di diversa proporzione, come se ognuna fosse studiata per incorniciare un preciso scorcio. Uno schizzo mostra come siano state studiate specificamente ante semplici per finestrelle piccole o ante a libro in diverse configurazioni per le diverse ampiezze. Ancora in legno sono taluni complementi esterni, come le pergole e i tavoli per ampliare lo spazio abitativo all’esterno, pur riparati dalla calura estiva tipica delle isole Cicladi. All’interno domina il bianco dei pavimenti in microcemento sui due livelli e il legno degli arredi progettati e realizzati su misura in uno stile rustico che occhieggia alla casa mediterranea.
Il recupero del metodo costruttivo chiamato “Kotounto”, la realizzazione di intercapedini tra il terreno roccioso e la struttura allo scopo di scaricare l’umidità del terreno, lasciando le pareti e le fondazioni asciutte, si inserisce in un progetto energetico più esteso. E’ previsto un impianto di riscaldamento a pavimento alimentato dai collettori solari installati sul tetto, mentre il raffrescamento è ottenuto dalla ventilazione trasversale, un altro metodo tradizionale che si avvale delle numerose piccole aperture a cui accennavamo prima, disposte diagonalmente l'una rispetto all’altra. Infine, l'acqua piovana viene raccolta nei 3 tetti e conservata in un serbatoio sotterraneo.

Mara Corradi

Architects: Faidra Matziaraki & Victor Gonzalez (Cometa Architects)
Collaborators: Betty Tsaousi, Olga Balaoura, Laura Mascuñan, Denisse Gómez Casco
Mechanical engineer: Eustratios Komis
Construction realisation: Zoulamopoulos Construction Company  
Structural Design: Vasilios Vakis
Supervision: Faidra Matziaraki
Interior design Faidra Matziaraki & Victor Gonzalez Marti
Sustainable design: Eustratios Komis
Client: Private
Location: Kea Island, Cyclades, Greece
Structural design: Vasilios Vakis & Nikos Zoulamopoulos
Gross useable floor space: 150 sqm
Lot size: 10.000 sqm
Built surface: 115 sqm
Start of work: November 2014
Completion of work: July 2016
Structure in: Reinforced Concrete
Facades in: Stone
Indoor sufraces: Microcement
Outdoor surfaces: Microcement
Floors: Microcement and underfllor heating & cooling
Photographs: © Dimitris Kleanthis

www.cometaarchitects.com
Honorable mention in domes greek architecture in the category Best New Build Project
Silver Award in category Architecture, Building, Structure, Design in a Design Awards

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy