15-01-2016

Le architetture di Zaha Hadid

Kengo Kuma,

Oxford,

Università, Istituti, Musei, SPA,

Premio,

Le architetture di Zaha Hadid amate e odiate, additate come esempi di architetture all'avanguardia o di contro come progetti slegati dai contesti per cui sono state concepite, oggetti di una bellezza scultorea ma costosi nella realizzazione e gestione quotidiana, ecco le ultime realizzazioni presentate nel 2015.



Le architetture di Zaha Hadid

L'architetto Zaha Hadid è stato indubbiamente tra i protagonisti dell'anno appena concluso, non solo per le sue opere additate spesso come esempi di architetture all'avanguardia o di contro come oggetti di una bellezza scultorea ma slegati dai contesti per cui sono stati concepiti, ma anche per le polemiche a seguito del progetto dello stadio nazionale di Tokyo. L'edificio che dovrebbe ospitare il Rugby World Cup 2019 e le Olimpiadi di Tokyo 2020 era stato progettato dallo studio Zaha Hadid architects e dal suo partner giapponese Nikken Sekkei, vincitori del concorso internazionale di progettazione del 2012. Nel corso del 2015 il governo giapponese ha prima revocato il mandato a Zaha Hadid e a fine anno ha reso noto che l'incarico del nuovo stadio è stato riassegnato all'architetto Kengo Kuma con un progetto giudicato meno costoso e più in linea con la cultura tradizionale del paese.
Per un progetto che non sarà più realizzato, altri invece sono stati conclusi nel corso del 2015. In Italia ad esempio è il Messner Mountain Museum Corones ultimo dei musei dedicati alla montagna del famoso alpinista italiano Reinhold Messner. Proseguiamo negli Stati Uniti con l'Investcorp Building, sede del Middle East Centre del St Antony’s College - Oxford University, e in Russia, a Mosca per il Dominion Office Building, le immagini delle sue famose scale curvilinee sono ormai un must dei social media.
Ma il 2015 è stato anche un anno di riconoscimenti professionali importanti dopo essere stata la prima donna a ricevere nel 2004 il Premio Pritzker, Zaha Hadid è stato il primo architetto donna a ricevere la Royal Gold Medal, il prestigioso riconoscimento del RIBA, Royal Institute of British Architects.

(Agnese Bifulco)

www.zaha-hadid.com


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy